I cookies servono a migliorare e ottimizzare l'esperienza offerta all'utente mentre visita questo sito. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies di questo sito.
Come usiamo i cookies?
Viaggi di Cultura - Turismo culturale dal 1953 Islam > Iran
Iran classico
conduce Giovanni Curatola

Partenza: 19/04
Ritorno: 01/05
Prezzo: €
Polizza: €
Tasse: €

Dal VI secolo prima di Cristo fino ai giorni nostri la storia del Vicino oriente e dell’Europa si è sempre sovrapposta, confusa, integrata, con quella della Persia. Senza la Persia diventa molto difficile, quasi impossibile, capire qualcosa della nostra cultura antica e moderna. Si pensi alla Bibbia, così densa di elementi di origine persiana, o all’idea di impero come venne maturando nel mondo antico e come venne poi ripresa nella sua formulazione universale prima da Roma e poi dalla Chiesa Cattolica e dai grandi imperi dell’epoca moderna.
Raccontano i testi di storia che nel Medioevo il rapporto con la cultura del mondo antico venne tenuto in vita dalla cultura araba: errore veniale, nella logica di un libro di scuola media e di liceo, ma grave in una più ampia prospettiva storica. Perché quasi tutto quello che noi definiamo ’arabo’ fu in realtà persiano: anzi la sovrapposizione tra le due sfere fu così completa che riesce difficile rispondere ’cosa’ sia stata effettivamente la cultura araba se la si ripulisce della debordante presenza persiana. Non furono arabe le ’Mille e una notte’, ma persiane. Non fu arabo lo studio di Aristotele, ma persiano. Non furono arabi i progressi dell’algebra e della matematica, ma persiani.
La stessa differenza, altamente conflittuale, che oppose Arabi a Persiani, è stata cancellata nel sentire comune: eppure nessun Persiano vede nell’Arabo un simile, ma piuttosto un nemico, o un rivale. In ogni caso un invasore: né amato né apprezzato.
Si dirà che l’Islam ha unito questi due mondi: altro errore che può sembrare veniale, ma gravissimo nella percezione del Vicino Oriente. Perché tra l’Islam persiano (sciita) e quello arabo (più frequentemente sunnita) le differenze sono così profonde che parlarne come di una religione unica è quasi un errore.
Un viaggio in Persia è dunque soprattutto riscoprire una grande cultura e il suo duraturo e profondo effetto sulla cultura dei popoli del Vicino oriente. Significa riscoprire la dimensione universale di una cultura che - non a caso - viene posta sullo stesso altissimo livello di quella occidentale, cinese, indiana.
Giovanni Curatola, uno dei più importanti studiosi oggi esistenti di cultura persiana, accompagnerà il nostro viaggio verso la riscoperta di questo mondo così meravigliosamente complesso.
Circondati dal vociare animato degli splendidi bazar persiani e dall’imponenza monumentale di una delle più luminose architetture al mondo.