I cookies servono a migliorare e ottimizzare l'esperienza offerta all'utente mentre visita questo sito. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies di questo sito.
Come usiamo i cookies?
Viaggi di Cultura - Turismo culturale dal 1953 Estremo Oriente > Tibet
Ladakh e Festival di Hemis (cultura del Tibet)
conduce Maurizio Paolillo

Partenza: 18/06
Ritorno: 30/06
Prezzo: €
Polizza: €
Tasse: €

Sollecitato da un gruppetto di persone interessate, ecco questo splendido itinerario nella regione tibetana del Ladakh, oggi India. Sì: il festival di Hemis è giustamente popolare; l’arte è molto, molto importante. Ma a restare indimenticabili saranno i paesaggi.

Itinerario di bellezza classica, di fascino intatto da quel lontano 1974 in cui fummo i primi, in Italia, a organizzarlo.
Allora come oggi il Ladakh colpisce per le straordinarie vedute montane dell’alta valle dell’Indo. L’arido paesaggio che separa il verde del Kashimir dalle alte vette himalayane della catena dei Kunlun e del Tibet è una sorta di portentosa testimonianza geologica. Sotto la pressione della placca indiana, dalle profondità della terra vengono spinti sempre più in alto monti di pietra, privi di vegetazione, ancora divisi in strisce colorate come in un elementare manuale di geologia. Rosso, verde, giallo, blu lapislazzuli, ocra: il percorso che percorreremo tra Leh e Lamayuru da solo meriterebbe il viaggio.
Oltre questo deserto, composto da impressionanti verticalità scavate nel corso dei secoli dall’Indo, la dolcezza tibetana e montana del Ladakh. Il suo fresco verde, come solo può essere in alta montagna dopo il lungo e duro inverno.
E già qui il viaggio ha offerto tutte le più importanti ragioni per essere appetibile.