Calendario partenze
 Calendario completo In collaborazione conIl Mulino  Cultura dei territori
Viaggi brevi, con modeste camminate, per gruppi piccoli (minimo 8, massimo 14 persone): ci apriamo alla provincia, anzi alle province d'Europa. Ci immergiamo nella storia locale e di ciò che è a lungo sembrato marginale, quasi periferico. Cultura del paesaggio, delle coltivazioni, delle valli
e dei mulini, dei canneti e delle strade dimenticate. Un mondo che abbandonato quasi in fretta nei decenni dell'industrializzazione e che dopo un breve revival negli anni Settanta è stato nuovamente accantonato (non sempre, non ovunque).

Giugno 2019

Navarra

Regione quasi gemella della Toscana (stessa latitudine di Montalcino), la Navarra ha uno dei paesaggi più conservativi di Spagna. E tradizionali, conservative, sono le sue genti, la tradizione del luogo, il senso di appartenenza. I navarresi sono fieri ma aperti: un giorno a Pamplona, navarrese per sempre. La regione è nota per i monumenti legati al Cammino di Santiago che in effetti sono numerosi e tanti e che verranno anche visitati con cura. Ma è la sua campagna che incanta: isolata a vol ... [continua]

Luglio 2019

Essex, Suffolk e Norfolk

Attenzione: le date sono state leggermente modificate. Le tre contee che occupano la parte orientale dell’Inghilterra, Suffolk e Norfolk (insieme al Cambridgeshire) compongono la regione storica dell’East Anglia. Sono, probabilmente, le contee meno visitate di tutto il Regno Unito. Non fu sempre così. Protese come sono verso la costa dell’Europa, sono state le prime ad essere invase (Angli prima e poi Sassoni). Le prime a sviluppare una fiorente agricoltura; le prime a sviluppare abitati ... [continua]

Settembre 2019

Tolosa e Occitania

Non basta un solo viaggio in questa regione per goderne la magnifica complessità. Nei vasti querceti di queste colline, ora Quercy, ora Cevennes, si svolsero tre vaste insurrezioni popolari. La più nota fu l’eresia catara, stroncata dalla Chiesa con la Crociata detta degli albigesi (1209-1229). Segui l’insurrezione dei Croquants - nelle Cevennes - che a più riprese tra il 1593 e il 1707 vide le folle contadine insorgere contro la nobiltà. Infine la Révolte de Camisards animata dai p ... [continua]

Ottobre 2019

Il romanico pisano

La cultura del territorio è davvero ben visibile nella provincia di Pisa. Delle ventidue pievi romaniche censite tra Pisa e Lucca, gran parte sono state restaurate grazie agli sforzi di comunità e associazioni locali, aperte ai curiosi solo su richiesta: sono luoghi sconosciuti, manifestazioni minori adombrate dall'imponenza del Duomo. Ma è proprio il Duomo ad aver chiamato a sé le maestranze che tra i secoli XI e XII continueranno a operare sul territorio pisano: la varietà di soluzioni ar ... [continua]

L’Appennino bolognese

Nessuno sa quando cominciò. Se furono i Galli, o gli Etruschi o chissà chi. I monti dell’Appennino bolognese: il culto del Dio nebbioso - pioggia e lampo al tempo stesso - e di una dea selvaggia e ribelle, regina dei boschi, protettrice dei pastori e degli schiavi. Nemmeno mille anni di Cristianesimo bastarono a domare questi dei delle forre e delle nebbie. Finché un papa decise che il più grande predicatore del tempo - Leonardo da Porto Maurizio (1676 - 1751), poi diventato santo - dovess ... [continua]

Maggio 2020

Vandea e Poitiers

Un angolo di Francia occidentale, atlantica, poco noto anche ai francesi. Una campagna a volte spettacolare; villaggi curati e amministrati meravigliosamente da secoli; arte romanica a livelli di eccellenza. Poitiers è legata alla storica impresa di Carlo Martello e alla battaglia in cui fermò e quindi respinse gli arabi oltre i Pierenei.