Lampi di cultura

Nepal, dal 1990 a oggi

FINE DELLA MONARCHIA E NUOVO NEPAL
Gli anni Novanta furono difficili in Nepal. La fine della monarchia e la guerriglia maoista sembrarono consegnare il paese a una crisi senza fine. In quegli anni l'aiuto dell'India fu determinante. Con il sostegno economico e politico del governo indiano il Nepal riuscì a superare gli anni più drammatici. Ne seguì un profondo cambiamento istituzionale che fu decisivo nello spingere il paese verso un progresso atteso troppo a lungo.

NEPAL, INDIA E CINA
Con il primo decennio del XXI secolo le cose mutarono. La rinascita del Nepal mosse dalla mediazione tra i tanti gruppi che compongono il paese, la laicizzazione dello stato, e infine una nuova costituzione (2015) che regola al meglio i rapporti tra le differenti tradizioni linguistiche e religiose. L'India, a sua volta, non era più quella di prima. Sotto la guida di Modi l'India si considerò protettrice delle minoranze del Terai e autorevole partner del Nepal con evidenti pretese economiche e politiche.
La risposta nepalese è stata un allontanamento dall'India e un potente avvicinamento con la Cina.

IL TERAI
È la regione pianeggiante che si spinge dalla colline nepalesi verso la pianura gangetica. Segnata da fitte foreste e vegetazione tropicale fu luogo di massiccia emigrazione indiana negli anni del colonialismo britannico. Per sfuggire alle carestie del XIX secolo migliaia di uomini andarono nel Terai nepalese dove gli agrari incoraggiavano il disboscamento e la messa a coltura delle terre. Col tempo venne formandosi una contrapposizione tra le oltre cento etnie nepali (dette anche popolo delle colline) e quelle del Terai (popoli delle pianure). Su queste ultime l'India ha sempre reclamato per sé il ruolo di tutore.


I MADESHI
Nel linguaggio politico attuale sono la minoranza indiana che vive nel Terai. Tuttavia questa definizione - accreditata dal governo Modi a Delhi - è accusata di ignorare che la migrazione indiana nel Terai gode dei pieni diritti della cittadinanza nepalese e, inoltre, ha una storia assai articolata. Tra di essi c'è una forte rappresentanza di Dalit (senza casta) e di musulmani.Più l'India ha reclamato per sé la tutela sui madeshi e più il Nepal l'ha giudicata un'ingerenza poco gradita negli affari interni del Nepal.