Wonderwall: il mito del fotografo nella swinging London

Con Silvia Albertazzi

25,00 €
Fotografi e modelle sono le figure-chiave del breve ma intensissimo periodo (1963-1968 ca.) in cui Londra - la swinging London com’è definita dalla rivista americana Time - è la capitale mondiale della cultura. Giovani, provenienti da classi sociali medio-basse, senza titoli di studio, incarnano per milioni di ragazzi e ragazze la possibilità di emergere pur non appartenendo a gruppi sociali privilegiati. Se le modelle impongono il look imitato dalle giovani di tutto il mondo, i fotografi sono i veri eroi del mondo pop. I loro scatti, che si pongono in netta antitesi rispetto alla fotografia precedente, enfatizzando l’amoralità del mezzo fotografico, riproducono l’eterno presente di una vita vissuta per l’attimo, e danno forma, in maniera iconoclasta, ai sogni di lusso e sensualità di tutta una generazione. Partendo da un cenno al film di Joe Massot, Wonderwall (1968), nella lezione si parlerà dei tre fotografi della cosiddetta black Trinity, David Bailey, Terence Donovan e Brian Duffy, e di come la figura del fotografo abbia trovato espressione nel film di Michelangelo Antonioni, Blow up (1966). A questo proposito, lo spazio finale sarà dedicato a Don McCullin, autore delle fotografie che appaiono nel film di Antonioni, ma anche organizzatore (e fotografo, naturalmente) del Mad Day Out, fotoreportage demistificante e beffardo di un’intera giornata trascorsa con i Beatles, il 28 luglio 1968.

Silvia Albertazzi è Professoressa ordinaria di Letteratura inglese presso l'Università di Bologna.

Quando

Febbraio 6.
Ore 18:00.

Come

Diretta online su Zoom, 45' di lezione e 20' di domande. Dopo la diretta la registrazione e il materiale didattico saranno caricati su questa pagina. Con l'acquisto avrai accesso illimitato alla registrazione del corso, al materiale didattico (dove presente).

Indice delle lezioni

01.
Wonderwall: il mito del fotografo n...
Questo sito tratta i dati personali (es. dati di navigazione) ed utilizza i cookie per il funzionamento e per il raggiungimento delle finalità descritte nella cookie policy. Dichiari di accettarne l'utilizzo premendo sul pulsante sottostante.